Non solo pizza. Cosa mangiare a Napoli

ATTENZIONE, QUESTO E’ UN POST DALL’ALTO CONTENUTO CALORICO E SE NE SCONSIGLIA LA VISIONE A PERSONE SENSIBILI O PERENNEMENTE A DIETA.

A Napoli rimanere magri non è difficile. E’ impossibile.

E, invero, camminare per le sue strade significa sottoporsi ad un continuo supplizio che mina ogni velleità di dieta.

Pizze a portafoglio, pizze fritte, pizze montanare, focacce, paste cresciute, crocché, panzerotti, frittatine di pasta, arancini sono, infatti, solo alcuni dei pezzi forti dello street food napoletano.

Cosa mangiare, dunque, durante un soggiorno a Napoli?

Facile dire la pizza e al riguardo ritengo persino superfluo scrivere alcunché ( in futuro scrivero’ la mia classifica ufficiale delle pizzerie più buone di Napoli).

Più   complesso pensare ai primi.

pizzettata5

Innanzitutto a Napoli si mangia molto pesce: spaghetti con le vongole o con le cozze, scialatielli ai frutti di mare, risotto alla pescatora. Il must è andarlo a mangiare a Pozzuoli, una cittadina confinante con Napoli che pullula di ristoranti a base di pesce.

Se però volete mangiare qualcosa che è veramente alla base della filosofia gastronomica napoletana, è necessario cimentarsi con la pasta e patate con la provola e la genovese.

gege

Quest’ultima è una pietanza costituita da un base di cipolle cotte a fuoco lento su cui si fa rosolare la carne.  Una genovese molto buona la prepara la cucina di Elvira in via Bernini al Vomero.

Eppoi c’è il ragù che, come sosteneva Eduardo De Filippo, è cosa ben diversa dalla carne c”a pummarola, perché il vero ragù deve “pippiare” ( cioè sbuffare)  a fuoco lentissimo nel pentolone per almeno 5,6 ore. A Napoli ultimamente sono nati persino dei locali dedicati esclusivamente al ragù. Si chiamano Tandem e sono tutti nella zona universitaria attorno a via Mezzocannone.

Tra i secondi di mare, invece, merita di essere segnalato il polipo alla luciana.

Passando ai dolci, abbiamo il babà al rum, abbiamo la sfogliatella, le zeppole di San Giuseppe e nel periodo pasquale la pastiera. Le più buone sfogliatelle di Napoli si trovano, a parer mio, da Attanasio in un vicolo al lato della stazione centrale, mentre un buon babà lo fa “Sfogliatella Mary” dentro la Galleria Umberto.

la-sfogliatella-mary

Sempre nel periodo pasquale poi abbiamo il tortano, un rustico con uova, affettati e salame.tortano

Infine c’è il caffè, un vero e proprio culto. Il miglior caffè di Napoli si trova in uno dei bar Mexico, ovvero al Cafè do Brasil. Ma sul punto non c’è per nulla univocità.

Buon appetito!

 

Annunci

4 risposte a “Non solo pizza. Cosa mangiare a Napoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...