Ancora su Calici di Stelle a Ravello e sul perché bere vino a stomaco vuoto fa male.

Dicesi travel-blog uno spazio virtuale in cui uno o più autori propongono viaggi o eventi ai propri lettori. Lo preciso alla Signora Suita CARRANO BONADIES che, in seguito al mio post in cui ho succintamente esposto come l’andamento di calici di stelle a Ravello non sia stato molto apprezzato, è intervenuta su questo blog con una frase che si addice più ad un attaccabrighe da sagra di paese che ad una Signora della Ravello bene:

se hai tanto da dire perchè non me lo vieni a dire di persona?

Subito dopo la stessa Bonadies ha tenuto a precisare su facebook quanto segue:

Orbene, al riguardo desta francamente stupore che  la signora CARRANO BONADIES – nel trascinarmi in una polemica cui questo blog non è abituato – confonda l’esercizio della libera manifestazione del pensiero con un attacco nei suoi confronti. Le assicuro, infatti, che non c’è mai stata volontà alcuna di colpire personalmente gli organizzatori dell’evento e  mi spiace constatare che ci sia confusione tra due piani completamente diversi.

Ciò premesso, l’elemento più interessante che – a parer mio – emerge dall’intervento della Bonadies è l’ammissione da parte sua di una ulteriore falla nell’organizzazione dell’evento: centinaia di persone si sono intrufolate a sbafo nell’area dedicata all’evento alimentando file interminabili, calca e malcontento.

Chiedo: di chi è la responsabilità di tutto ciò?

Se la Bonadies, anziché  cancellare tutti i commenti negativi che sono apparsi su fb -commenti che evidenziano come la mia opinione non sia affatto isolata e, anzi, sia condivisa da chi ha vissuto la mia stessa esperienza – avesse risposto punto per punto ai 4 rilievi specifici che ho mosso nel mio precedente post ( se vuole,può rileggerseli qui), sono sicuro che tutti i partecipanti a calici di stelle l’avrebbero apprezzata ancora di più.

Capisco  che abbia voluto tentare di organizzare  un percorso degustativo con pochi assaggi, ma sappia altresì che bere del vino a stomaco vuoto fa estremamente male e, poiché tutti gli “assaggi” sono terminati alle ore 21.30, molte persone hanno dovuto rinunciare anche al vino per evitare  problemi fisici.

Ciò fermo restando, apprezzo il suo invito all’unità della costiera amalfitana, ma in proposito vorrei che mi spiegasse il senso di questa frase:

 “chi visita Tramonti probabilmente non verrà mai a Ravello e vicecersa”

Mi può spiegare per quale ragione  la visita di Ravello è alternativa a Tramonti?  Io, ad esempio, frequento entrambi i suddetti paesi se è vero, come è vero, che non c’è alcuna competizione in atto e ciò che ha scritto la sua amica Nicoletta Baldi è del tutto fuori luogo.

Cosa ha scritto Nicoletta Baldi?

Lo riporto per comodità:

No, è proprio come dice lei, non c’è alcuna competizione in atto, anche se – per la cronaca – a TRAMONTI a versare il vino erano direttamente i titolari delle cantine: Reale, Apicella, Sammarco, Cuoco, Tagliaferro, etc.

Annunci

10 risposte a “Ancora su Calici di Stelle a Ravello e sul perché bere vino a stomaco vuoto fa male.

  1. Io ho visto tanti turisti, americani perlopiù, che bevevano vino come se fosse acqua fresca e file perennemente intasate che facevano passare la voglia di sottoporsi a file chilometriche. Peccato perché l’idea e le atmosfere ravellesi meritavano ben altro

    Mi piace

  2. Io non conosco l’evento e nemmeno il contesto in cui si svolge, ma l’impressione è che la non troppo gentile signora ti abbia “aggredito” nel post precedente perché si è sentita punta nel vivo. Evidentemente l’evento non ha avuto il successo sperato, e da buon organizzatore forse la signora dovrebbe avere il buon senso di riconoscere gli errori fatti per porvi rimiedio per la prossima edizione, invece di perdere del tempo accanendosi con chi come te non ha fatto altro che mettere nero su bianco le cose che non hanno funzionato.

    Mi piace

    • Ciao Silvia,
      ti ringrazio.
      Alla fine non ho fatto altro che esprimere sul blog l’opinione condivisa a voce da chiunque abbia preso parte a quell’evento. Effettivamente l’atteggiamento della signora Suita Carrano Bonadies lo trovo incomprensibile.

      Liked by 1 persona

  3. 20 euro a persona buttati per una serata da dimenticare….francamente io con tutta la mia famiglia, dopo essere stato a questo evento, sono andato a mangiarmi una pizza.

    Mi piace

  4. Non capisco come si faccia a negare che calici di stelle a ravello sia stato un flop.. NOn ho visto 1 una persona , dico una, soddisfatta se si escludono gli americani che tornavano a casa con la bottiglia di vino regalata sottobraccio

    Mi piace

  5. Onesta intellettuale, questa sconosciuta…chi era alla serata sa che è stato uno schifo: tutti in piedi accalcati, file interminabili, spinte su spinte e caos

    Mi piace

  6. questa tizia farebbe meglio a tacere e basta dopo tutti i guai che ha combinato! Si lamenta che ci siano state persone che si sono intrufolate, ma poi l’ho vista invitare lei le persone rimaste senza biglietto. “Vedete se c’è qualche avanzo”, ha detto. Mah

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...