Autumn in Sant’Agata de’ Goti.

sa

Quel venerdì di inizio autunno pioveva a dirotto, eppure – sebbene fossero da poco scoccate le due di notte – non c’era alcuna voglia di tornare a casa.

Così abbiamo preso la macchina guidando per quasi tre ore alla ricerca di una terra sconosciuta alle popolazioni costiere: il sannio.
“Siete dei pazzi”, “solo dei pazzi possono fare una cosa del genere”.

Se lo racconti  in giro, le reazioni sono abbastanza prevedibili.

Come, del resto, è prevedibile il concetto stesso di normalità.

Eppure un paese come Sant’Agata dei Goti va visitato così, quando in giro non c’è nessuno e possibilmente piove.

Quando cioè a farti da guida turistica sono solo i fantasmi, in realtà i trisavoli di gente emigrata un secolo in America  e che ha continuato ad abitare nella casa di famiglia ormai  abbandonata, e sul ciottolato si sente solo la musica prodotta dalle tue scarpe.

 

Sant’Agata è così, un paese fluttuante che ufficialmente si trova in provincia di Benevento a poche centinaia di metri dal confine casertano e dal bellissimo acquedotto carolino di Maddaloni, ma che in realtà ha sempre avuto il cuore a stelle e strisce.

Ciò nonostante i viottoli, gli archi, i portici e tutti gli angoli di questo paese – che deve il suo nome sia alla Santa catanese che alla famiglia francese De Goth cui re Roberto D’Angiò concesse il feudo nel 1300 – sono uno più curato dell’altro.

san2

Non devono, quindi, trarre in inganno quei palazzi apparentemente bellicosi disposti per formare un muro difensivo davanti all’affaccio più spettacolare: qui  ogni straniero è in realtà il benvenuto.

san

Tanto che è vero che i fiori, che  adornano praticamente ogni casa,  fanno quasi venire  voglia di aspettare l’alba dal panettiere per godere dei colori che conquistano la vallata.

E, invece, stavolta non sarà così.

E’, infatti, ancora buio quando lasciamo un paese in cui gli unici testimoni oculari del nostro passaggio sono stati i fantasmi.

Tanto so già che a breve ritornerò ( se non altro per andare dal panettiere).

$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

Sant’Agata de’ Goti è considerata uno dei borghi più belli d’Italia.

Si trova a circa mezzora di macchina dalla reggia di Caserta, dal borgo borbonico di San Leucio e da quello medioevale di Caserta vecchia.

Dovrebbe essere piena di visitatori, invece è tuttora  fuori dalle tratte turistiche.

Ed è un peccato, un vero peccato.

 

Annunci

11 risposte a “Autumn in Sant’Agata de’ Goti.

  1. E’ sempre bello passeggiare di notte senza nessuno in giro. Farlo in un paesino lontano e sconosciuto deve poi essere molto suggestivo

    Mi piace

  2. Ci sono stato nel 2012 e l’ho trovata incantevole, curatissima, accogliente. Sono d’accordo sulla considerazione meriterebbe di più

    Mi piace

  3. Pingback: La catalogna sconosciuta – 10 paesi da scoprire nei dintorni di Barcellona | Narrabondo·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...