Guida ad #Alicante: perché merita molto più di un giorno.

DSC04656

Prendete la guida del touring club.

Fatto (  la leggersi con la voce di Giovanni Muciaccia, ndr) ?

Bene, ora prendete la colla acrilica, un accendino e date fuoco a tutto l’ambaradan.

Infatti la guida del touring club vi dirà che Alicante è un ammasso di palazzoni orribili invitandovi surrettiziamente a passarci meno tempo possibile.

Nulla di più sbagliato: chi ha scritto quella guida conosce evidentemente poco Alicante e non ha avuto il tempo per assaporarne l’estro, la fantasia, la genialità.

1434926241602 1434926368327

Andiamo però con ordine:

una visita al capoluogo della costa blanca non può che iniziare dal mare e, più in particolare, dalla passeggiata delll’Explanada con i suoi mosaici rossi, azzuri e bianchi e le sue palme che portano, dal parco di Canalejas, fino alla spiaggia di Postiguet.

Da qui il tour può  quindi proseguire dalla plaza del Mar fino al bellissimo Ayuntamiento/ Comune, edificio in cui sarà possibile ammirare una statua realizzata da Salvador Dalì. Nell’accedere al piano superiore, inoltre, non si può non rimanere colpiti dalla scenografica scalinata e dalla eleganza delle salette in cui si svolgono le sedute del consiglio comunale.

1434967807358

Dopodiché, percorrendo tutta la vivacissima calle Mayor, si arriverà alla bellissima Chiesa di Santa Maria, il più antico edificio di culto della città da cui, tra l’altro, parte il cammino di Santiago del Sureste.
Inoltre, al lato della suddetta Chiesa, vi è l’ingresso del  MACA ( museo di arte contemporanea di Alicante) , museo per la maggior parte dedicato all’artista locale Eusebio Sempere.1434968132477

1434968224932

L’ingresso è gratuito e la struttura, oltre ad alcune schifezze indicibili, ospita opere interessanti di Mirò, Dalì, Picasso, Dalì e Kandinsky

1434968140896 1434968181582

1434968320367

1434968487905

Ciò posto, è tempo di salire ad alta quota e passeggiare per una ventina di minuti per arrivare al Castello di Santa Barbara. Oltreché dal “barrio”, è possibile salirvi molto più agevolmente dall’avenida Alfonso El Sabio. Io, però, preferisco accedervi dalla cosiddetta “cara del Moro”.

Al Castello di Santa Barbara sono legati molte storie e  aneddoti che meritano di essere raccontati. Tra questi il più curioso è quello legato a Re Jaime de Aragona. Si dice, infatti, che – quando Alicante venne ceduta dalla regina di Castilla al regno di Aragona – il sovrintendente di Alicante si rifiutò di consegnare la città al nuovo regnante dicendo: “me lo deve dire la regina di Castilla in persona che devo consegnare la città ad un altro”.

1434968494811 1434968576132

Venuto a sapere dell’affronto, Jaime assediò Alicante e sfidò, infine, il sovrintendente che in una mano cingeva una spada e nell’altra le chiavi della città. Il duello fu equilibrato, ma un soldato di Jaime – temendo per la vita del suo re –  tagliò entrambe le braccia al sovrintendente che morì dissanguato continuando a stringere sia la spada che le chiavi.

1434976209807

Cosicché entrambi gli oggetti vennero recuperati e nascosti all’interno del Castello.

Da allora si dice che, quando queste chiavi verranno recuperate,  Alicante sarà conquistata da ogni invasore.

1435000886041 1435001182396 1435001539738 1435001571038 1435018016031

Il Castello di Santa Barbara, tuttavia, è legato ad un’altra storia non meno tragica, ma comunque più recente: fu qui, infatti, che il 20 novembre del 1936 venne ammazzato il generale José Antonio Primo de Rivera, uno dei politici più brillanti che la Spagna abbia mai avuto.

1435053183462

Per questo ogni 20 novembre molte persone si radunano sul castello proprio per ricordarlo.

1435053420243

Ad ogni modo la visita del castello (sempre gratuita), oltre ad offrire il miglior panorama sulla città, permette di vedere la piazza d’armi, le mura e i cannoni.

1435058624064 1435058633368 1435058720008 1435076886269 1435078679616

Ritornati nel “barrio”  ( ad Alicante “el barrio” è il quartiere antico della città, nonché il centro della movida), sarà quindi possibile vedere la Chiesa di San Nicolas con le sue maioliche blu tipicamente valenciane per poi salire nel quartiere di Santa Cruz, il più pittoresco ed intimo della città con decine di casette caratterizzate da mattonelle colorate e altrettante persone che giocano o cenano in strada

1435078737716

Accedendo alla Rambla, sarà quindi possibile godere di una piazzetta con alberi secolari, della piazza Ruberto Chapi con il teatro e poi, tramite la calle San Fernando, dell’eleganza della piazza Gabriel Mirò.

1435087322162

Inoltre ultimamente in calle San Francisco sono spuntati dei funghi giganti, funghi con facce scolpite e cappelli rossi in testa.

1435094727021 DSC04604 DSC04605

Ecco, in questa strada c’è tutto lo spirito folle di Alicante, una città che sa sorprendersi continuamente.

DSC04607 DSC04608 DSC04609 DSC04631 DSC04633

Infine la  visita alla città può concludersi  percorrendo tutta l’avenida Alfonso el Sabio da  plaza de los Luceros – da cui si possono osservare le fontane e il palazzo della provincia – fino al mercado central e alla plaza de toros, il cui ingresso è anche in questo caso libero.

DSC04636 DSC04639 DSC04641

Sennonché la conoscenza effettiva della città può avere inizio solo immergendosi appieno nello spirito alicantino,  uno spirito che raggiunge il suo climax nella festa di San Juan ( 19 – 24 giugno ) e con  las hogueras.

DSC04643 DSC04647

DSC04648

Infatti la presenza in ogni quartiere di carri satirici rappresenta solo un pretesto per dare avvio ad una settimana di festa e ad un corteo di oltre 2000 figuranti in abiti tradizionali intervallato da bande musicali, balli e spettacoli messi in scena anche dalle comunità del sud america che si sono stabilite ad Alicante. Ciascun gruppo ci tiene a far bella figura e tra musica, canti e balli la festa va oltre l’alba per centinaia di migliaia di persone.

Insomma, sarà pure vero che Alicante è piena di palazzi orribili, ma che peccato rimanerci meno di 3 giorni!

DSC04649 DSC04650 DSC04651 DSC04653 DSC04654

Annunci

2 risposte a “Guida ad #Alicante: perché merita molto più di un giorno.

  1. Pingback: El palmeral di Elche – La provincia di Alicante | Narrabondo·

  2. Pingback: Dove mangiare ad Alicante a colpo sicuro: Casa Dimas, Sento , El Foc, la cave à fromage | Narrabondo·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...