Il flop della maratona Fai nella Napoli delle origini a Pizzofalcone (12 ottobre)

La circostanza che decine di volontari appassionati dedichino – spesso in via del tutto disinteressata – il proprio tempo a promuovere gli angoli meno conosciuti della propria città è un’iniziativa lodevole che merita il plauso.

Sennonché è anche vero che la maratona fai che aveva come filo conduttore la Napoli delle origini è stata un flop pazzesco dal punto di vista organizzativo:

1. Le file – spesso interminabili – hanno reso particolarmente estenuante l’attesa per accedere ai siti prescelti;

2. Alcuni dei siti erano chiusi (id est: la Nunziatella) oppure privi di interesse (id est:l’archivio militare, Santa Maria Egiziaca);

3. Altri siti, invece, solo stati solo illustrati, ma non mostrati. E’ il caso del bellissimo castello di Lamont Young/Villa Ebe, che io ho desiderato tanto poter visitare e che in definitiva non ho potuto vedere nemmeno da vicino.

Per il resto,se escludiamo la visita alla collezione di ceramiche presente all’interno del liceo artistico Filippo Palizzi e palazzo Serra di Cassano, il tour è risultato abbastanza deludente e privo di interesse.   Il castell’Ovo, infatti, lo si può visitare sempre, mentre Napoli offre  un’infinità di tesori segreti che un evento fai avrebbe potuto svelare con più pragmatismo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...